E se vi dicessi che le Sfumature hanno fatto bene al rosa?

bow-tie-732305_640

Prima che me lo chiediate, no, non ho letto le Cinquanta sfumature di grigio/rosso/nero. O meglio, ho letto le prime cinquanta pagine, ho sbirciato un po’ le scene erotiche e ho dato seguito all’unico desiderio sfrenato che mi avevano suscitato, ossia quello di chiudere il libro.

Eppure al Salone del Libro di Torino durante l’incontro di Emma Books sul #rosachenontiaspetti ho dichiarato che le Sfumature hanno fatto un gran bene al rosa, e in particolare al rosa che fa bene alle donne. E questo nonostante rappresentino esattamente quello che il rosa scritto dalla parte delle donne, non per le donne, dovrebbe evitare: le dinamiche serva-padrone, la dominazione spacciata per romanticismo e la sottomissione spacciata per amore, concetti non solo sbagliati, anche pericolosi. 

Le Sfumature però hanno avuto un grande merito, hanno sdoganato l’erotico. E questo se non ha fatto un gran bene all’erotico, che si è visto invadere da testi di qualità mediocre, ha fatto bene al rosa. Perché a partire da quella benedetta trilogia, chi vuole scrivere di quella roba lì, di violenza più o meno dissimulata, non è più costretto a fingere di parlare d’amore e può cambiare genere e lasciare i sentimenti in pace.

Non tutte le Sfumature vengono per nuocere, insomma.

Advertisements

8 thoughts on “E se vi dicessi che le Sfumature hanno fatto bene al rosa?

  1. Secondo me è il contrario.Le Sfumature è un rosa tradizionale reso piccante da un po’ di sesso trasgressivo. C’è la fanciulla pura e povera, che ama riamata il bello e ricchissimo tenebroso pieno di misteri e lo salva col suo amore. Ci sono begli ambienti, bei vestiti, viaggi e gioielli e un lieto fine per tutti i buoni. La donna è comprensiva, paziente, materna anche se non proprio sottomessa.
    Il sesso è l’espediente per ricalcare un modello di sogno alla Delly modernizzato e insaporito, offerto a donne di tutte le età, non solo a ragazzine.
    Nella dinamica della storia è quello che conta di meno,anche perchè molto meccanico e ripetitivo, anche se sdoganato pure per le mamme. Quelli che prevalgono sono i sentimenti, l’amore, la passione, il dolore, il trionfo della famiglia tradizionale.
    Un’operazione commerciale studiata alla perfezione, non a caso con ambientaione americana, nonostante la scrittrice viva in Gran Bretagna.
    L’ho letto tutto e ne ho discusso in libreria, e tante altre la pensavano come me.

    Liked by 1 persona

    1. Hai assolutamente ragione. In un altro gruppo Paola Gianinetto ha espresso un pensiero identico al tuo. Come ci dicevamo su Facebook, a livello di indicazioni di mercato, però, è passato il messaggio che funzionava un tipo di erotico che ruotava intorno alla sottomissione ed è stato soprattutto questo a cambiare di conseguenza anche il rosa. Ma concordo appieno con il tuo pensiero, un ottimo punto di vista e un’ottima analisi. Grazie per averla scritta anche qui!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...