Voglio andare a casa, la casa dov’è?

CIMG0861 - copia

A chi vive all’estero fa più male, forse, ma prima o poi secondo me succede a tutti. Quel momento in cui vorresti solo tornare a casa. Mica per sempre. Il tempo di ricaricarti, orientare di nuovo la bussola, capire se è la vita che ti tradisce ultimamente o sei tu che tradisci te stessa. E allora ti guardi intorno, ti guardi dentro, ti guardi alle spalle e ti chiedi, come Jovanotti: la casa dov’è?

Non è la casa dove sei nata, soprattutto se non è la stessa casa in cui sei cresciuta e non è la stessa in cui vivono ora i tuoi genitori. Non è la prima casa in cui sei andata a vivere da sola (e per fortuna, perché ci manca di dover litigare di nuovo con la tua coinquilina per chi pulisce il bagno) e neanche quella in cui vivi da sposata. Forse potrebbe essere quella in cui hai messo al mondo il primo figlio, se non fosse che diventare mamme è un po’ come mettere piede in terra straniera e perdersi di nuovo.

Ma allora, se voglio tornare a casa, dove devo andare? 

Me lo sono chiesta nel mio ultimo racconto Frittata alle ortiche, e non ci crederete ma ho trovato una risposta. La casa in cui vogliamo tornare non è una casa. È l’infanzia. È la sensazione di sicurezza che abbiamo provato in quegli anni, quando sentirsi al sicuro era normale, “gli anni del tranquillo siam qui noi” per citare un’altra canzone.

E ho scoperto, sempre scrivendo il racconto, che non è impossibile come pensiamo. Che quello che ci separa davvero da casa è il perdono. Il bisogno e l’incapacità di perdonare le mancanze, i piccoli tradimenti (perché quelli grandi sono come le spese, si curano da soli). Che se riuscissimo a perdonare, saremmo molto più vicini all’infanzia – e a casa – di quanto credevamo possibile.

Nel racconto vi propongo la mia ricetta del perdono. Con me ha funzionato. Ma ciascuno ha la sua. E sono sicura che l’autore della scritta nella foto ha trovato un metodo altrettanto valido. Baciami qui e fammi passare la paura.

E adesso si riparte per un’altra città…

Annunci

One thought on “Voglio andare a casa, la casa dov’è?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...